giovedì 25 luglio 2013

Giovanni Pascoli e il suo Mare





Mare

M'affaccio alla finestra, e vedo il mare: vanno le stelle, tremolano l'onde.

Vedo stelle passare, onde passare:
un guizzo chiama, un palpito risponde.

Ecco sospira l'acqua, alita il vento:
sul mare è apparso un bel ponte d'argento.

Ponte gettato sui laghi sereni,
per chi dunque sei fatto e dove meni?

[Giovanni Pascoli, Myricae (1891]