giovedì 25 luglio 2013

Giovanni Pascoli e il suo Mare

Photo by Carla



MARE
M'affaccio alla finestra, e vedo il mare:

vanno le stelle, tremolano l'onde.

Vedo stelle passare, onde passare:
un guizzo chiama, un palpito risponde.

Ecco sospira l'acqua, alita il vento:

sul mare è apparso un bel ponte d'argento.

Ponte gettato sui laghi sereni,

per chi dunque sei fatto e dove meni?

Giovanni Pascoli, Myricae (1891)


Ulteriori Informazioni:
Myricae 
Fondazione Giovanni Pascoli

2 commenti:

  1. Ciao Carla condivido un'altro bel pensiero su Pascoli.

    "Questo mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di visioni. Ululano ancora le Nereidi obliate in questo mare, e in questo cielo spesso ondeggiano pensili le città morte.
    Questo è un luogo sacro, dove le onde greche vengono a cercare le latine; e qui si fondono formando nella serenità del mattino un immenso bagno di purissimi metalli scintillanti nel liquefarsi, e qui si adagiano rendendo, tra i vapori della sera, imagine di grandi porpore cangianti di tutte le sfumature delle conchiglie. È un luogo sacro questo. Tra Scilla e Messina, in fondo al mare, sotto il cobalto azzurrissimo, sotto i metalli scintillanti dell’aurora, sotto le porpore iridescenti dell’occaso, è appiattata, dicono, la morte; non quella, per dir così, che coglie dalle piante umane ora il fiore ora il frutto, lasciando i rami liberi di fiorire ancora e di fruttare; ma quella che secca le piante stesse; non quella che pota, ma quella che sradica; non quella che lascia dietro sè lacrime, ma quella cui segue l’oblio. Tale potenza nascosta donde s’irradia la rovina e lo stritolio, ha annullato qui tanta storia, tanta bellezza, tanta grandezza. Ma ne è rimasta come l’orma nel cielo, come l’eco nel mare. Qui dove è quasi distrutta la storia, resta la poesia".

    RispondiElimina
  2. Ciao N.C, grazie della condivisione.
    In molti dei suoi scritti Pascoli si identifica con il mare, non solo per la sua peculiare bellezza, ma soprattutto per la profonda valenza simbolica. Forse nessun altro motivo consente al poeta tanta lìbertà: e il mare così diventa un luogo ideale di confine in molti sensi.

    RispondiElimina