domenica 4 ottobre 2009

L'Incontro con l'Arte

 The Colors by Carla

Raramente pensiamo ai bambini come individui con le loro paure, con le loro preoccupazioni, con le loro speranze, con le loro piccole e grandi difese.

Vedere il bambino nella sua totalità significa cercare un momento. Un momento dove la comunicazione artistica deve essere semplice, ma proprio per questo può essere straordinariamente efficace.

Attraverso il disegno e la pittura, i bambini hanno modo di esprimere ciò che continuamente interiorizzano rispetto a se stessi e agli altri: anche le emozioni profonde più trattenute, non comunicate verbalmente. L'esperienza artistica può pertanto diventare occasione di arricchimento personale se permette al bambino di entrare in una dinamica che lo spinge a giocare, esplorare, sperimentare, meravigliarsi, di cui il bambino è interamente autore e interprete. Dove il segno è il punto di partenza di ogni creazione, e gioca un ruolo fondamentale sia per il bambino che per l'adulto attraverso un gioco di risonanze, sentimenti  ed emozioni.

In virtù di tutto questo, l'arte contribuisce allo sviluppo armonico della persona; permette l'incontro con l'altro, l'instaurazione di un rapporto di scambio indipendentemente dalla cultura, dall'età e dalla lingua di origine e, quindi, può offrire un concreto mezzo di espressione e di benessere, e può completarsi in un percorso di autoconoscenza, consapevolezza e autorealizzazione: migliorando o rafforzando una positiva percezione di sè, motivando alla crescita e allo sviluppo delle proprie potenzialità creative fino alla consapevolezza dei propri limiti e dei propri confini – è ciò che ci definisce, la nostra immagine, il nostro modo di esprimerci e di relazionarci – accettando come propri tutti gli aspetti sia positivi che negativi, per poi adattarli ed elaborarl.

L'incontro con l'arte diventa allora il mezzo attraverso il quale partendo da un punto l'immagine si rivela, ma al contempo si trasforma in quanto traccia immediata, unica e inconfondibile del movimento della propria mano. Ponendosi dunque come valore fondamentale dell'esistenza, nel proprio processo di creazione e trasformazione (atto creativo).

2 commenti:

  1. Francesca Dellino
    "L'incontro con l'arte diventa allora il mezzo attraverso il quale partendo da un punto l'immagine si rivela, ma al contempo si trasforma in quanto traccia immediata, unica e inconfondibile del movimento della propria mano. Ponendosi dunque come valore fondamentale dell'esistenza, nel proprio processo di creazione e trasformazione (atto creativo)".

    Bellissimo!

    RispondiElimina