giovedì 9 giugno 2011

L'arte della relazione

Il piacere di coltivare relazioni orizzontali ed equidistanti è una qualità in via di estinzione. Il bisogno di costruire rapporti autentici, aperti e privi di interessi ce lo abbiamo tutti. Non c'è niente di più nobile dell'essere e dell'avere amici.

Henri Matisse,  La Danza, 1910


7 commenti:

  1. ...splendida riflessione Carla... un autore sconosciuto ha detto: "in tutta questa tecnologia, perdiamo di vista il dato di fatto che che la vita gira ancora intorno a una cosa e una soltanto: un autentico legame tra le persone"... il Matisse rappresentato, al di la' di ogni commento accademico, esprime concretamente questa idea.
    purtroppo siamo in un'epoca dove si predica bene, ma...
    ciao Carla

    RispondiElimina
  2. Sono pienamente d'accordo su quanto esposto, caro joe.

    Il significato simbolico, espressivo e comunicativo che può dare l'immagine vale più di mille parole.

    Grazie joe

    RispondiElimina
  3. ciao Joe, ciao Carla
    speravo avessi la ricetta
    :-DD

    RispondiElimina
  4. Basta un poco di zucchero e la pillola va giù.
    Tutto brillerà di più. :-DD

    Ben ritrovata

    RispondiElimina
  5. ihhh vero vero.
    bianco o di canna?
    :-DDD

    RispondiElimina
  6. Verissimo quello che dici, anche se a volte la ricerca "sofisticata" di questi rapporti rari e difficili e i pregiudizi per eventuali esperienze negative, ci portano ad essere diffidenti verso tutti, a chiuderci nel nostro recinto non permettendo a nessuno di entrarci.
    Verrebbe da chiedersi se veramente ne sentiamo il bisogno... Ciao

    RispondiElimina
  7. Ciao Sarnin,
    le esperienze sono sempre soggettive e ognuno ha i propri gusti nella scelta della qualità.

    RispondiElimina